Aleppo Colors
pomice bianca e nera
Immagine
ImmaginePietra pomice bianca, ca. 70g
Originaria dell'Anatolia, nella Turchia meridionale, questa pomice colpisce... per le sue curve. Oltre che bella è anche molto resistente e longeva. La pratica cordicella di cotone permette di appenderla e farla asciugare dopo l'uso. Simpatica e sbarazzina!
(art.3.11)
ImmaginePietra pomice nera, ca. 60g
Originaria dell'Iran centrale questa rarissima pomice nera viene tagliata a mano secondo un'antica tradizione locale. Grazie alla sua forma piuttosto grande si tiene bene in mano, è ben abrasiva e resistente agli urti. Il puntino sulla i nel vostro bagno.
(art.3.10)
Generata da eruzioni vulcaniche antiche e recenti queste preziose pomici provengono rispettivamente dalle alture Alborz, nell’Iran centro-orientale (quella nera), e dall’Anatolia, in Turchia (quella bianca). Da generazioni le popolazioni locali le lavorano a mano dando loro le tradizionali formae in uso in quelle regioni. Secondo Erodoto già i Sumeri ammorbidivano la pelle ricorrendo a questa pietra vulcanica, e i Romani si lavavano e si depilavano con la pomice bianca d’Anatolia che preferivano a quella di Lipari.

Entrambe le pomici sono resistenti e delicate, addolciscono le parti indurite della pelle e le mantengono lisce e levigate. Sciacquate ogni due mesi in un po’ di candeggina si mantengono come nuove e igienicamente pulite.

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine